Make your own free website on Tripod.com

IL PALIO DELL'OCA    -   Anno 2004                                                       ENIO HOME PAGE




INDICE>>>>

Montevaccino, anzi Cognola. Alle Vigiliane 2004 palio dell´oca contestato

Gara contestata, invece, nel Palio dell´Oca: sul traguardo ha vinto Montevaccino, ma dopo vivaci proteste e discussioni, la vittoria è stata assegnata ai campioni uscenti di Cognola. I più temerari si sono armati di giornali ed hanno preso posto sull´erba bagnata degli argini dell´Adige. Altri hanno formato un serpentone lungo la strada che collega il ponte di San Giorgio e quello di San Lazzaro per seguire la discesa delle zattere e le prove di abilità. La ventunesima edizione del Palio dell´oca ha fatto ancora una volta il pieno di pubblico, nonostante Giove Pluvio avesse fatto il diavolo a quattro per tutta la giornata. Ed ha tenuto il pubblico con il fiato sospeso fino al momento della premiazione.  Ad alzare la coppa dei vincitori, per la quinta volta nella ventennale storia della competizione, è stata la compagine di Cognola, che ha portato a casa anche il primo trofeo internazionale ( gara tra le sei squadre straniere e le migliori due del 2003, Cognola appunto e Martignano). Ma prima di far sventolare il vessillo giallo rosso ed il simbolo del muflone, la squadra guidata dal capozzattera Lorenzo Tomasi ha dovuto attendere il responso dei giudici di gara. La classifica provvisoria, infatti, ha fatto accarezzare la vittoria agli zatterieri di Montevaccino, che hanno agguantato quasi subito la prima posizione e non l´hanno più lasciata. Il posto sul gradino più alto del podio, per la squadra di Montevaccino, inizia a vacillare quando tocca agli zatterieri di Cognola affrontare la corrente dell´Adige. I giallo -rossi tagliano il traguardo: «Cognola prima», annuncia lo speaker. Anzi no. La compagine è arrivata senza bandiera, quindi paga la penalità in minuti e finisce quarta. Tocca all´ultima squadra, la quarantacinquesima, Piedicastello. Partenza dal sovrappasso dell´autostrada e poi slalom tra due palline. Al ponte di San Giorgio gli zatterieri affrontano la prova dell´ancorotto e subito dopo devono cimentarsi nell´attracco e nel tiro delle freccette. Non può mancare il lancio del cerchio da infilare nel collo dell´oca di cartapesta, seguito dalla prova del canestro. Poi, suona la sirena finale. Il Palio dell´Oca è terminato. E piovono le contestazioni delle squadre. Cognola presenta ricorso: la bandiera era stata recuperata. La «tonca», intanto, regala sonore risate. Alle 21 ecco il responso: ricorso di Cognola accolto. Ribaltone in classifica. Prima Cognola, seconda Montevaccino e terza San Sebastian. Ma gli applausi del pubblico sono per tutti: bravi gli zatterieri, che a colpi di braccia hanno domato la corrente e bravi gli organizzatori.


Arrivederci al prossimo anno il 2005

INDICE